Museo di Roma in Trastevere

menu di accesso facilitato

vai direttamente a:
contenuto. cerca, sezione. lingue, menu. servizi, menu. principale, menu. percorso, menu. piedipagina, menu.

Home > Incontri per docenti e... > “L’orrendo Terremoto”: Roma e il sisma del 1915
05/04/2016

“L’orrendo Terremoto”: Roma e il sisma del 1915

Tipologia: Incontro

Incontro a cura di Simonetta Ciranna.
Il terremoto che investì Avezzano e la Marsica il 13 gennaio 1915 fu avvertito distintamente a Roma, provocando panico tra gli abitanti e danni a numerosi stabili in specie nei rioni del centro, caratterizzati da una trama edilizia minuta, spesso esito di trasformazioni e stratificazioni, e in condizioni di degrado.

La contestualità del sisma con l’ingresso dell’Italia nel primo conflitto mondiale e il conseguente drammatico effetto nel corpo sociale e nell’economia nazionale hanno oscurato aspetti rilevanti degli interventi immediati e successivi eseguiti per consolidare edifici sia di carattere monumentale, sia a uso residenziale o pubblico, come a esempio alcune scuole.

La documentazione fotografica e la pubblicistica dell’epoca restituiscono la cronaca romana di quella giornata, incentrata sugli episodi più vividi legati all’evento sismico: la caduta della statua di san Paolo sulla facciata di San Giovanni in Laterano; i danni al campanile di Sant’Andrea delle Fratte, alla cupola di San Carlo ai Catinari; le lesioni nella nuova chiesa di San Gioacchino ai Prati, al colonnato berniniano in San Pietro e la caduta di un grosso masso di travertino. Assieme a questi, anche numerosi palazzi risentirono dell’evento tellurico, inclusi quello Senatorio, Madama e di Montecitorio; l’acquedotto Claudio nei pressi di porta Furba crollò per un tratto di alcuni metri, mentre lesioni più o meno consistenti furono riscontrate lungo le Mura aureliane nei pressi di porta Metronia, sulla porta Pia e del Popolo.

L’intervento si propone, attraverso alcuni esempi, di riportare all’attenzione quelle che furono le conseguenze nella Capitale del sisma di Avezzano. Gli esempi selezionati intendono inoltre evidenziare le analogie – dal punto di vista dell’applicazione di alcuni presidi sismici - con quanto condotto in altre località nonché rilevare l’incidenza della natura stratificata di molta architettura romana nella reazione ai movimenti tellurici.

Simonetta Ciranna, professore associato di Storia dell’Architettura presso l’Università degli Studi dell’Aquila, Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile-Architettura, Ambientale (DICEAA) , è Presidente del Corso di Studi, membro del dottorato e referente del dipartimento nell’European Association for Architectural Education.
Sul terremoto della Marsica ha recentemente pubblicato due volumi: Avezzano, la Marsica e il circondario a cento anni dal sisma del 1915. Città e Territori tra cancellazione e reinvenzione, L’Aquila 2015 (a cura di, con P. Montuori) e Tempo, Spazio e Architetture. Avezzano cento anni o poco più, Roma 2015 (con P. Montuori).

Informazioni

Luogo
Museo di Roma in Trastevere
Orario

Martedì 5 aprile 2016 alle ore 16.00

L'appuntamento è prenotabile a partire da fine novembre 2015

Le date degli appuntamenti potrebbero subire variazioni

Biglietto d'ingresso

Partecipazione all'incontro: gratuito

Prenotazione obbligatoria

Informazioni

Prenotazione obbligatoria
Tel. +39 060608 (tutti i giorni ore 9.00 - 21.00).

Numero massimo di partecipanti: 70.
 
È previsto il rilascio dell’attestato di formazione.

Sapienza Università di Roma
La partecipazione a cinque incontri, attestata, dà diritto agli studenti dei Corsi di studi storico-artistici (triennale); storia dell’arte (magistale); storia, antropologia, religioni (triennale); scienze storiche (età moderna-età contemporanea/magistrale) de “La Sapienza” al riconoscimento di due crediti formativi universitari.

Università degli Studi Roma Tre
La partecipazione a sei incontri, attestata, dà diritto agli studenti dei Corsi di: Scienze dell’Architettura (triennale); Architettura-Progettazione architettonica (magistrale); Architettura-Progettazione urbana (magistrale); Architettura-Restauro (magistrale), al riconoscimento di due crediti formativi universitari.

Accademia di Belle Arti di Roma
 La partecipazione a otto incontri, attestata, dà diritto agli studenti di tutti i corsi  al riconoscimento di due crediti formativi.

Prenotazione obbligatoria
Sito web
www.sovraintendenzaroma.it
Organizzazione

Sovrintendenza Capitolina in collaborazione con Zètema Progetto Cultura

torna al menu di accesso facilitato.